Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, cliccando in un'area sottostante o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie.

Comune di Siris

 

Denominazione: Sirighesi o siresi
Numero abitanti: 231 (statistiche ISTAT 2011)
Superficie: 5,97 kmq
Municipio: Via Nazionale, 21 - CAP: 09090
Telefono: 0783.990208
Patrono: San Sebastiano - 19 Gennaio

Sindaco: Marco Floris
Internet: www.comune.siris.or.it
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Il Comune di Siris si trova alle pendici meridionali del Monte Arci, circondato da boschi di lecci, roverelle e querce da sughero che si alternano alla splendida macchia mediterranea tipica dei paesaggi sardi, con i colori e profumi dei mirti, lentischi e corbezzoli. L’area del Monte Arci in cui è compreso Siris regala scenari incantevoli e comprende un complesso di spettacolari rupi trachitiche (Su Colombariu) che racchiudono numerose grotte. Tra queste, quella di Rio Bingias, che si apre sull’omonima sorgente, particolarmente rinomata per le proprietà curative delle sue fresche acque. Il territorio di Siris ha una storia molto antica, come dimostrano i resti delle domus de janas, le tipiche sepolture del Neolitico sardo, e numerosi nuraghi come quello di Inus, che dall'alto della giara domina il centro abitato. Anche il periodo romano ha lasciato cospicue tracce, quali tombe, ceramiche e monete rinvenute presso il nuraghe Porcilis. Lungo le pareti delle colline di Siris sono stati inoltre scoperti alcuni cunicoli ancora in parte inesplorati, dai quali si narra provenga un dolce canto d’usignolo capace di attrarre il visitatore come una sirena. Passeggiando per gli stretti e tortuosi vicoli del borgo è ancora possibile ammirare le antiche case della tradizione campidanese con i loro grandi portali in pietra. Nei pressi del centro storico si trova la chiesa di San Vincenzo, che un sapiente restauro ha recentemente ha permesso di recuperare e riportare agli antichi splendori. La tradizione narra che a pochi metri dall’edificio si trova un gigantesco olivo millenario che custodirebbe tra le radici il tesoro del Santo.

 

 SIRIS
- 01 Settembre: Festa San Vincenzo Martire.

 

 Altri Eventi
- Giugno: Sagra dei prodotti caseari;
- Novembre: Sagra delle mele cotogne e frutti di bosco.

 

 Da visitare:
Nuraghe de Inus
Comunità Inus

 

 Galleria Fotografica